Thursday, 13 December 2018
Latest news
Main » Morto dopo trapianto, consulenza Procura Roma: "Cuore non idoneo"

Morto dopo trapianto, consulenza Procura Roma: "Cuore non idoneo"

02 October 2017

Questo per dire ancora una volta che il cuore funzionava, poi sono subentrate una serie di complicanze diverse che hanno portato alla morte del paziente. L'organo che doveva salvare una vita, apparteneva ad un 50.enne deceduto in piscina per un arresto cardiaco, proprio nel capoluogo lombardo. Noi - ha precisato il ministro - con il Centro nazionale trapianti abbiamo procedure di massima sicurezza fra le migliori al mondo. La vacanza è stata interrotta: la famiglia è tornata di corsa in città, mentre l'equipe che lo avrebbe operato volava a Milano, al San Raffaele, per prendere l'organo da impiantare. E quando, l'estate scorsa, una telefonata lo aveva raggiunto in vacanza per fargli sapere che il donatore era stato trovato a Milano, lui improvvisamente era rinato. Sulla vicenda è stata aperta un'inchiesta a Roma, passata a Milano per competenza territoriale perché l'errore medico (questa l'ipotesi) si sarebbe consumato al San Raffaele.

I medici del San Camillo non ci stanno, parlano di un fulmine a ciel serenol, ribadiscono la correttezza dell'iter seguito. Mi sembra uno di quegli errori tragici, ma anche inaccettabili.

San Juan mayor attacked by Trump is a Boston University graduate
The mayor said Puerto Rico is set to be without power for six to eight months after the storm damaged 90% of homes on the island. The restaurant says it will continue to send supplies until the island recovers from the devastation it has been handed.

"Si tratta di una notizia gravissima - commenta la Lorenzin a 'Circo Massimò su Radio Capital -, ma anche singolare per un sistema come quello italiano". A meno che non vi siano state altre cause intervenute durante e dopo l'impianto. "In quel caso i danni al cervello, che è più delicato, impediscono la ripresa, ma il cuore rimane sano". Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Infatti l'uomo che da un anno aspettava il giorno dell'intervento come una liberazione, è morto 48 ore dopo essere uscito dalla sala operatoria dell'ospedale San Camillo di Roma.

Milano, 27 set. (AdnKronos Salute) - "Era sano" il cuore impiantato trapiantato all'uomo morto dopo un intervento eseguito nel 2016 all'ospedale San Camillo di Roma. Gli esami strumentali, compresa la coronarografia, escludevano la presenza di patologie cardiache con particolare riferimento alle arterie coronarie. "Ciò per non alimentare un generalizzato e ingiustificato discredito sulla professione medica, dannoso prima di tutto per la collettività e per l'indispensabile rapporto di fiducia con i pazienti".

Morto dopo trapianto, consulenza Procura Roma: